Home Page  |  Cerca  |  Mappa del Sito  |  Links  |  Contatti  |  E-mail Assaereo                

HOME PAGE

ASSAEREO
    Chi siamo
    Statuto
    Struttura

ASSOCIATE

ELENCO SCIOPERI

NEWS
    News trasporto aereo
    Comunicati Stampa

DOCUMENTI

NORMATIVA

RASSEGNA ASSAEREO


Ansa Infrastrutture
e Trasporti



Ministero degli
Affari Esteri



Numero Verde
ENAC




News

Comunicazioni e informazioni sul trasporto aereo nazionale



Vedi anche:

Torna all'indice delle News

Vai ai Comuniacti Stampa di Assaereo

Vai alla Rassegna Stampa di Assaereo



Data di pubblicazione: 20/02/2004 15:20:18
A rischio 25mila occupati nel 2005

TRASPORTO AEREO: ASSAEREO, A RISCHIO 25MILA OCCUPATI NEL 2005, 250MILA CON INDOTTO. SERVE POLITCA STRATEGICA GOVERNO.

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Il rischio licenziamenti nel trasporto aereo non riguarda solo gli esuberi di 2.700 persone della crisi dell' Alitalia; nel giro di un anno potrebbero trovarsi disoccupati circa 25mila dipendenti delle compagnie aeree italiane e in totale 250mila addetti calcolando anche l'indotto, con ripercussioni negative sull' economia nazionale". E' l' allarme del segretario nazionale di Assaereo (Associazione nazionale vettori e operatori del trasporto aereo, che aderisce a Confindustria), Cesare Stumpo il quale sottolinea "la necessitÓ che il governo indichi una politica strategica per il settore prima che sia troppo tardi". L' offerta di posti del trasporto nazionale, rileva, "Ú altissima se si considera che sono circa 800mila al giorno a fronte dei 600mila della Germania e dei 500mila della Francia e che Alitalia ha il 48% del mercato interno mentre Lufthansa ha l' 80% e Air France il 75%". C'Ú quindi, secondo il segretario nazionale di Assaereo, "una sovraofferta di posti con una forte competizione interna fra 20 compagnie aeree che si fanno una concorrenza eccessiva". Il mercato italiano del trasporto aereo, prosegue, "ha alte possibilitÓ di sviluppo ma se non si decide in fretta cosa fare, inesorabilmente le nostre compagnie verranno assorbite da grossi gruppi che manterranno solo in parte gli occupati e che decideranno all' estero sulle risorse del territorio".
Naturalmente, "saranno a rischio anche tratte interne che - osserva Stumpo - i grandi gruppi potrebbero non avere interesse a coprire. Il governo deve quindi decidere di trattare con un' alleanza straniera per ritagliare uno spazio per il trasporto aereo italiano in modo che esso abbia voce in capitolo". Air Dolomiti, ricorda, "Ú finita nella sfera di Lufthansa e Minerva, Galdalf e Azzurra sono in crisi. Da sole non possono sopravvivere". Fra 4-5 anni, sottolinea, il mercato europeo avrÓ due grosse compagnie aeree di linea e due low cost per questo, conclude, "se il governo decide che il trasporto aereo non Ŕ strategico lasci le compagnie al mercato, con la conseguenza che ciascuna potrÓ contrattare e decidere se andare all' estero". (ANSA).
 
Assaereo: Associazione Nazionale Vettori e Operatori del Trasporto Aereo
Sito ottimizzato per una visualizzazione con Internet Explorer 5.0 o superiore - risoluzione 800 x 600