Home Page  |  Cerca  |  Mappa del Sito  |  Links  |  Contatti  |  E-mail Assaereo                

HOME PAGE

ASSAEREO
    Chi siamo
    Statuto
    Struttura

ASSOCIATE

ELENCO SCIOPERI

NEWS
    News trasporto aereo
    Comunicati Stampa

DOCUMENTI

NORMATIVA

RASSEGNA ASSAEREO


Ansa Infrastrutture
e Trasporti



Ministero degli
Affari Esteri



Numero Verde
ENAC




News

Comunicazioni e informazioni sul trasporto aereo nazionale



Vedi anche:

Torna all'indice delle News

Vai ai Comuniacti Stampa di Assaereo

Vai alla Rassegna Stampa di Assaereo



Data di pubblicazione: 13/10/2011 18:36:46
LE COMPAGNIE AEREE PLAUDONO LA DECISIONE DEL QUIRINALE E CHIEDONO REGOLE CHIARE E COERENTI CON LE NORME EUROPEE PER GLI AEROPORTI

Comunicato stampa Assaereo - IBAR

LE COMPAGNIE AEREE PLAUDONO LA DECISIONE DEL QUIRINALE E CHIEDONO REGOLE CHIARE E COERENTI CON LE NORME EUROPEE PER GLI AEROPORTI

Assaereo e IBAR, le associazioni che raggruppano la quasi totalità delle compagnie aeree Italiane accolgono con favore la decisione della Presidenza della Repubblica di bocciare il decreto legislativo sugli aeroporti, come riportato oggi da Il Sole 24 Ore.

Secondo l’articolo il decreto è stato respinto per eccesso di delega e incoerenza con la direttiva europea. Inoltre, nel decreto, sono stati rilevati dei profili anticoncorrenziali.

Le compagnie aeree avevano già contestato i provvedimenti governativi a partire dalla legge che consentirebbe all’ENAC e al Ministero dei Trasporti di stipulare contratti di programma con gli aeroporti “in deroga” rispetto alla relativa delibera del CIPE del 2007. Successivamente hanno illustrato le loro perplessità sul decreto di recepimento della direttiva UE 2009/12 in un audizione parlamentare.

Alla luce della bocciatura del decreto da parte del Quirinale e in previsione delle modifiche necessarie per la riedizione del provvedimento, Assaereo e IBAR propongo ora un “reset” dell’intera materia, e chiedono formalmente di essere coinvolte dalle istituzioni competenti. A tale scopo avanzano proposte quali:

· Ripristinare le consultazioni fra il Ministero dei Trasporti, ENAC, aeroporti e le compagnie aeree.
· Ristabilire le modalità per applicare la direttiva CIPE senza ulteriori scorciatoie e deroghe.
· Recepire “correttamente” la direttiva europea. In particolare occorre costituire un autorità di sorveglianza indipendente per i trasporti che svolga le funzioni previste dall’articolo 11 della direttiva. Il tentativo del governo di attribuire queste funzioni ad un dipartimento dell’ENAC, costituisce un palese conflitto di interessi tra il controllore ed il controllato, disattendendo totalmente il senso della direttiva stessa.

La delibera CIPE, per la prima volta in Italia, introduce metodi moderni per regolamentare una materia difficile come la valutazione degli investimenti delle tariffe di enti che inevitabilmente operano in regime di monopolio come gli aeroporti. E’ essenziale che l’attuazione della delibera dia spazio alle compagnie aeree di esprimersi in merito agli investimenti, per evitare lavori inutili e fare quelli che servono realmente.

Assaereo e IBAR ritengono che non ci possono essere “deroghe” a questi principi.

Roma, 13 ottobre 2011

ASSAEREO - IBAR
 
Assaereo: Associazione Nazionale Vettori e Operatori del Trasporto Aereo
Sito ottimizzato per una visualizzazione con Internet Explorer 5.0 o superiore - risoluzione 800 x 600